Home

Il comitato tecnico scientifico

 
  • Alberto Prestininzi (Coordinatore), ordinario di Ingegneria della Terra presso l’Università di Roma La Sapienza, con specializzazione in geologia;
  • Claudio Borri, ordinario di Scienze delle Costruzioni presso il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale dell’Università di Firenze, con specializzazione in strutture e aerodinamica, Direttore del Centro Interuniversitario di Aerodinamica delle Costruzioni e Ingegneria del Vento;
  • Andreas Taras, ordinario di costruzioni in acciaio e strutture composite presso l’ETH di Zurigo;
  • Sara Muggiasca, professore associato del Dipartimento di Ingegneria Meccanica del POLIMI, direttrice della Galleria del Vento;
  • Mauro Dolce, professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso l’Università Federico II di Napoli, esperto in Rischio Sismico e Vulcanico;
  • Francesco Karrer, professore ordinario di Urbanistica presso La Sapienza Università di Roma (in quiescenza);
  • Giuseppe Muscolino, ordinario di Scienza delle Costruzioni presso l’Università di Messina;
  • Paolo Fuschi, ordinario di Meccanica delle Strutture presso l’Università di Reggio Calabria;
  • Alessio Ferrar, professore ordinario di Ingegneria Geotecnica presso l’Università degli Studi di Palermo.

Le 10 domande sul Ponte

Il primo concorso di idee internazionale sulla costruzione è indetto dal Ministero dei Lavori Pubblici italiano nel 1969. L’opera nella sua soluzione definitiva viene individuata nel 1992. Nel 2003 viene approvato il progetto preliminare e nel 2006 la Società Stretto di Messina affida la progettazione definitiva, esecutiva e costruzione dell’opera al consorzio Eurolink, di cui è leader il Gruppo Webuild. Il 20 dicembre del 2010 Eurolink consegna il progetto definitivo al termine di studi e analisi dettagliate sul territorio. Il 29 luglio del 2011 la società Stretto di Messina approva il progetto definitivo.

Il Ponte sullo Stretto è un’opera immediatamente cantierabile, significa che i lavori di costruzione possono partire già nei prossimi mesi. Una volta approvato il progetto esecutivo, il ponte sarà realizzato in soli 6 anni.

Il progetto prevede la costruzione del ponte sospeso più lungo al mondo, con una lunghezza complessiva di 3.660 metri ed una campata sospesa di 3.300 metri. L’impalcato avrà una larghezza totale di 61 metri e le due torri poste a terra alte 399 metri. Il sistema di sospensione sarà formato da due coppie di cavi ciascuna del diametro di 1.26m con sviluppo totale di 5320 metri tra i due blocchi di ancoraggio.

L’impalcato accoglierà due carreggiate stradali che avranno 3 corsie per direzione (due di marcia e una di emergenza) e una sede ferroviaria a doppio binario. Il progetto del ponte prevede l’attraversamento di 6 milioni di veicoli l’anno e di 60.000 treni, avvicinando così in maniera reale i 5 milioni di abitanti siciliani al resto del continente.

L’importo relativo alla costruzione del Ponte sullo Stretto, sola opera di attraversamento, è pari a €4,5 miliardi.

Il costo del ponte è pari a circa il 40% dell’importo totale delle opere. Oltre al ponte, sono previste opere di collegamento sui versanti Sicilia e Calabria funzionali al Ponte stesso per un valore di circa €5,3 miliardi. Una spesa complessiva di circa €1,1 miliardi è invece costituita dalla costruzione di opere non funzionali al Ponte (tra cui le tre stazioni della metropolitana di Messina e il centro direzionale in Calabria) e Opere di Mitigazione ambientale.

In termini di lavoro – tra assunzioni dirette e indotto – costruire il ponte significherà creare 10mila nuovi occupati già nel primo anno di cantiere, mentre nel complesso saranno 100.000 i nuovi posti di lavoro tra diretti e indotto, e 300 le imprese coinvolte.

Il Ponte sullo Stretto assicurerà un incremento della ricchezza prodotta su scala nazionale pari a €2,9 miliardi l’anno, equivalente allo 0,17% del Pil.

Il progetto del ponte prevede che l’opera avrà i requisiti di integrità strutturale più elevati al mondo, compatibili con un sisma di magnitudo 7,5 della scala Richter.

Gli studi realizzati hanno portato all’elaborazione di una tipologia di impalcato aerodinamicamente stabile (Messina Type Deck) fino a venti di 300 km/h (con tempi di ritorno di più di 2000 anni). Il Messina Type Deck è stato studiato e testato nei più autorevoli centri di ricerca e laboratori internazionali su vari modelli fisici in galleria del vento (Italia, Inghilterra, Canada, Germania e Danimarca). Il concetto di impalcato aerodinamico “semitrasparente”, studiato per Messina, è attualmente ripreso con successo per le nuove realizzazioni di ponti a grande luce in tutto il mondo”. Il ponte permetterà il transito al traffico veicolare per vento fino ai 158 km/h, mentre le analisi effettuate prevedono la percorribilità ferroviaria a 120 Km/h in condizioni di raffiche di vento fino a 150 Km/h e a 60 Km/h in condizioni di raffiche di vento fino a 190 Km/h.

I collegamenti stradali dello Stretto di Messina

Notizie

“Indietro non si torna” – Salvini incontra il colosso americano che collabora con la società Stretto di Messina –

Punto della situazione in previsione del via ai lavori 24 gennaio 2024 – Un nuovo capitolo si apre nel collegamento tra Calabria e Sicilia, un’epoca in cui il legame stabile tra le due regioni diventerà una realtà tangibile. Questa visione è stata enfatizzata dal vicepresidente del Consiglio e ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, durante un incontro con i rappresentanti di Parsons Group, un leader nel settore delle

Leggi tutto »

2 Ottobre 2023: La Webuild ha presentato il progetto definitivo aggiornato, per la realizzazione del Ponte sullo Stretto. L'annuncio dell’amministratore delegato Pietro Salini alla festa di Forza Italia a Paestum, rappresenta un altro importante passo in avanti verso un traguardo storico per il nostro partito e per questo governo. La Webuild potrà firmare il contratto e prepararsi alla posa della prima pietra e aprire i cantieri già nel 2024.
Il Ponte sullo Stretto sarà una grande occasione per le regioni del Mezzogiorno, porterà in Sicilia e in Calabria lavoro, investimenti, turismo, nuove opportunità. Avanti per trasformare in realtà uno dei sogni del Presidente Silvio Berlusconi.

Giorgia Meloni "se ci pensate un attimo"

Matilde Siracusano "a furia di spingere"

Matteo Salvini "se s'impunta lo farà"

Venti e franco navigabile

Notizie

“Indietro non si torna” – Salvini incontra il colosso americano che collabora con la società Stretto di Messina –

Punto della situazione in previsione del via ai lavori 24 gennaio 2024 – Un nuovo capitolo si apre nel collegamento tra Calabria e Sicilia, un’epoca in cui il legame stabile tra le due regioni diventerà una realtà tangibile. Questa visione è stata enfatizzata dal vicepresidente del Consiglio e ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, durante un incontro con i rappresentanti di Parsons Group, un leader nel settore delle

Leggi tutto »
Notizie

Cabina di Regia PNRR: Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria e Verifica Obiettivi – Aggiornamento Ponte sullo Stretto

Palazzo Chigi ha ospitato un incontro strategico cruciale, la Cabina di Regia PNRR, presieduta da Giorgia Meloni e convocata da Raffaele Fitto, incentrata su temi fondamentali come la tratta ferroviaria Salerno-Reggio Calabria e il monitoraggio della quinta rata del PNRR. Focus sulla Ferrovia Alta Velocità: Uno degli argomenti principali della Cabina di Regia è stata la discussione sulla linea ferroviaria dell’Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria, destinata a snodarsi anche attraverso il

Leggi tutto »
Notizie

Signorino: “Vi spiego perché il Ponte sullo Stretto di Messina non arreca vantaggi” – Proverbi siciliani: “Quandu ‘u sceccu non voli ‘mbiviri, è inutili chi nci frischi!”

«La Gazzetta del Sud del 6 gennaio ha affermato che il Ponte sullo Stretto di Messina è necessario perché elimina un “collo di bottiglia” nel trasporto ferroviario, portando i tempi di attraversamento dalle attuali 2 ore circa a meno di un’ora. Che, ovviamente, non è poco. Ma c’è un “ma”…». È il prof. Guido Signorino, docente di Economia, ex vicesindaco nella Giunta Accorinti e tra i fondatori del Comitato “Invece del Ponte”,

Leggi tutto »
Notizie

Il corridoio con il Ponte sullo Stretto per lo sviluppo sostenibile del Mezzogiorno d’Europa ecco perché l’Europa ritiene strategico il ponte.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Reggio Calabria e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Civile, dell’Energia, dell’Ambiente e dei Materiali, hanno organizzato un convegno dal titolo: “Palermo/Helsinki: il corridoio con il Ponte sullo Stretto per lo sviluppo sostenibile del Mezzogiorno d’Europa”. L’evento si terrà mercoledì 10 gennaio alle ore 09.00 presso l’Aula Magna “Italo Falcomatà”, Plesso di Ingegneria – Cittadella Universitaria. Il convegno

Leggi tutto »
Share this Page